Agenda
Summerlife
Per fare nuove tutte le cose

Palla al centro, fischio dell’arbitro e si inizia. Da ieri sera gli oratori bergamaschi sono ufficialmente scesi in campo nella partita per l’estate con la prima serata di formazione. Quello che don Emanuele Poletti, direttore UPEE, ha descritto come il calcio d’inizio è il primo step di un percorso formativo ben articolato. Oltre a questo, infatti, sono previsti altri tre incontri per approfondire gli aspetti organizzativi, pedagogici e tematici. Ad aprire la serata è stato il messaggio del Vescovo Francesco che si è rivolto agli oltre quattrocento presenti alla diretta YouTube.

“Quella che ci aspetta quest’estate è un’avventura impegnativa - ha detto monsignor Beschi -. La comunità cristiana ha un grande cuore e questo ci aiuterà a vivere la nuova esperienza che stiamo per affrontare. Non possiamo immaginare un’estate normale, si tratta di qualcosa di nuovo e inedito. L’impegno che ci prendiamo è quello di rispondere ai bisogni delle famiglie, ma non saremo soli. La proposta estiva sarà un’iniziativa condivisa tramite una rete territoriale”.


Occorrerà fare rete, occorrerà esserci e, soprattutto, occorrerà essere preparati e organizzati. “Sappiamo bene che il Cre-Grest non si può fare - ha detto don Emanuele - ma desideriamo comunque dedicare l’estate ai ragazzi. Sarà un’«estate ragazzi» dove tutto il possibile sarà «per» i ragazzi”. Per scendere in campo è necessario conoscere bene le regole del gioco. In data 29 maggio, la regione Lombardia ha emanato un’ordinanza che riguarda anche i centri estivi. All’interno del documento, da pagina 50 a 57, sono contenute tutte le indicazioni necessarie per svolgere le attività in sicurezza. Sono regole che è necessario studiare per arrivare preparati all’estate. Ciò, però, non è un documento risolutivo perché non può essere considerato come un progetto educativo.


“Un’altra attenzione che vogliamo adottare – prosegue don Emanuele- è lo stile di sempre. Desideriamo esserci perché Dio c’è sempre stato. Nel nostro esserci ci sforzeremo di fare il possibile. Nessun giudizio, saremo tutti bravi a fare ciò che riusciremo a fare e ciò che faremo, lo faremo insieme”. Lo stile di sempre è rispecchiato anche dal progetto prodotto in tempi record per tutti gli oratori della Lombardia. Le dieci diocesi lombarde e i rispettivi uffici dedicati alla pastorale giovanile hanno collaborato per portare a termine il progetto SummerLife. Una proposta che nasce dalla volontà di stare accanto ad ogni oratorio in un’estate inedita, ma pur sempre per ragazzi.


Dal 26 maggio scorso, il sito SummerLife è operativo e in continuo aggiornamento. La homepage è suddivisa in cinque sezioni in cui poter approfondire il progetto estivo, la formazione, l’animazione, la sicurezza e la tematica degli adolescenti. Sul sito sono disponibili tantissimi materiali che possono aiutare tutti a immaginare come poter vivere la prossima estate. La parte formativa è quella più ricca di spunti e contenuti grazie anche alla collaborazione di esperti e docenti universitari che hanno dato il loro contributo per formare chi sarà sul campo.


Dal punto di vista pratico, sarà fondamentale seguire le linee guida per ridurre al minimo il rischio del contagio. L’oratorio e le famiglie dovranno sottoscrivere un patto in cui si impegnano a rispetto le norme indicata nell’ordinanza della regione Lombardia. All’ingresso della struttura dovrà essere adibita una zona di accoglienza dedicata al triage a cui gli accompagnatori non potranno accedere. Bambini e ragazzi verranno registrati quotidianamente e all’entrata verrà misurata la temperatura a ciascuno di loro. Soprattutto con i più piccoli, il consiglio è quello di trasformare il tutto in un gioco. I bambini saranno invogliati a rispettare le regole tramite delle modalità ludiche che saranno presto messe a disposizione sul sito SummerLife.
Quella che si sta delineando è un’estate impegnativa in cui, però, nessuno sarà solo. La rete territoriale si sta già attivando per garantire lo svolgimento della proposta. Da lunedì 8 giugno, sul sito di OratoriBG saranno disponibili tutte le linee guida presentate nel corso della serata. L’obiettivo è quello di fare gioco di squadra con reti sia intraecclesiali che extraecclesiali. “Faremo il possibile -conclude don Emanuele-. Invito gli oratori a fare ciascuno ciò che può. Una proposta estiva con queste modalità potrà sembrare arida, ma desideriamo rispondere a un bisogno e tutto ciò che riusciremo a fare, sarà per il bene dei ragazzi”.

 

 
Unisciti anche tu!
Iscriviti alla newsletter per scoprire per primo le ultime storie e i nostri eventi
Ufficio pastorale età evolutiva