Articolo 12 gennaio 2021
Il Corso Centrale raddoppia
Formazione online

Nonostante la zona arancione gli oratori non si fermano e non si ferma neanche il Corso Centrale. Dal prossimo sabato adolescenti e giovani di tutta la diocesi di Bergamo prenderanno parte a una formazione in versione digitale e raddoppiata. Il Corso Centrale si rinnova per far fronte al tempo della pandemia e a tutte le sue conseguenze cogliendone anche i possibili insegnamenti. Per prima cosa il percorso formativo si svolgerà tramite Zoom, la piattaforma che permette di incontrarsi da remoto. L’altra novità è la distinzione in due fasce d’età. Da sempre il Corso Centrale si è occupato di formare gli animatori in modo che potessero mettersi al servizio nei propri oratori, ma questa volta è diverso. Questa suddivisione permette di approfondire tematiche diverse con modalità diverse.

Il corso base, dal titolo “Gli strumenti dell’animazione”, è rivolto ai ragazzi della terza e quarta superiore e si terrà il sabato pomeriggio. I partecipanti partiranno dal comprendere cosa sia l’oratorio oggi e che ruolo gioca all’interno della società. Da lì il percorso formativo sarà caratterizzato da alcuni affondi sul gioco e la sua intelligenza, i laboratori espressivi e manuali, l’animazione e il teatro educativo con cui interagiranno. Anno dopo anno, gli adolescenti si dimostrano sempre di più un aiuto prezioso per tutti gli oratori. Sono loro che si prendono cura dei più piccoli con cui entrano in contatto e che stupiscono tutte le volte chi li vede all’opera. La possibilità di mettersi in gioco e spendersi per qualcun altro è un’occasione, oggi più che mai, da valorizzare per ciascun adolescente uscendo dai soliti schemi in cui si cerca di incasellarli.

Per quanto riguardo il corso pro, invece, coinvolgerà i giovani dalla quinta superiore in su. Intitolato “La relazione educativa”, il percorso inizierà martedì prossimo con l’obiettivo di formare delle figure che possano prendersi cura dei più piccoli, ma anche degli animatori più giovani. Chiedersi cosa significa essere oggi in oratorio sarà il punto di partenza che accomunerà tutti i partecipanti e da cui partiranno tutti gli altri approfondimenti. Si passerà dall’attenzione alle diverse fasce d’età al metodo dell’animazione fino all’affondo sull’inclusione dei più fragili. Ultima, ma non importante è la tematica della spiritualità. Spesso quando si pensa alle attività inerenti alla fede si dà per scontato che sia il don ad occuparsene, ma non è per forza così. Anche un giovane può mettersi in gioco in questo ambito e l’ultimo incontro sarà rivolto proprio a comprendere come spendersi per un tema così delicato.

I partecipanti di entrambi i livelli del Corso Centrale saranno accompagnati dagli animatori e collaboratori dell’UPEE e da Ago Formazione che ha collaborato nella costruzione del progetto formativo. Ogni corso avrà sia dei momenti assembleari che dei momenti di confronto in piccoli gruppi in modo che ciascuno abbia la possibilità di esprimersi e ampliare lo sguardo verso realtà diverse dalla propria.

Essere animatori d’oratorio va oltre dall’essere un semplice animatore. Non si tratta solo di animare, far divertire e occupare il tempo dei bambini e ragazzi che si incontrano. Significa molto di più: mettersi in gioco, prendersi cura dell’altro, stringere nuovi legami, rafforzare le amicizie, crescere, scoprire nuovi lati di sé, sentirsi parte di una comunità che affida i più piccoli dando molta fiducia a chi sceglie di accogliere questa sfida. La pandemia ha segnato molto la routine degli oratori, bisogna prenderne atto. Come bisogna tener ben presente che, nonostante le mille difficoltà, gli oratori hanno continuato ad esserci esplorando strade innovative e rimettendo al centro l’essenzialità.

Per questo motivo, ricco di entusiasmo e di voglia di fare, l’Ufficio Pastorale per l’Età Evolutiva desidera continuare a mettersi a servizio dei più piccoli in oratorio. I talenti a disposizione negli oratori di tutta la diocesi sono davvero tanti, ma è anche necessario porsi qualche domanda sul ruolo, sugli strumenti e sulle metodologie più opportune per essere animatori. L’invito è di compiere insieme un pezzo di strada nelle prossime settimane: per conoscerci, scoprire la bellezza dell’essere animatori e regalarci qualche “trucco” per continuare ad essere al servizio della comunità.

 
Unisciti anche tu!
Iscriviti alla newsletter per scoprire per primo le ultime storie e i nostri eventi
Ufficio pastorale età evolutiva