Articolo 13 luglio 2021
CRE è sinomino di relazioni
Oratorio Ghisalba

Quest’anno ci siamo riusciti. Abbiamo aspettato con trepidazione le linee guida e ci siamo lanciati in questa meravigliosa esperienza che ogni anno caratterizza le estati di tanti Oratori e anche del nostro. Non ci eravamo mai soffermati sulla sigla C. R. E., ma in questo periodo ci ha proprio illuminati.

La “C” di centro: ci ricorda che abbiamo un centro intorno a cui ruotare che è quello delle relazioni, della bellezza dello stare insieme e del condividere tante ore. Per noi dell’Oratorio di Ghisalba sono nove le ore di  Cre ogni giorno, ore che diventano tempo prezioso per scoprire nuove amicizie o per rinsaldare quelle vecchie. E non solo, per Ghisalba l’Oratorio si trova proprio al centro del paese e questa diventa un’opportunità per ritrovarci in un luogo che per noi è casa e che è stato chiuso per parecchio tempo.

“R” di ricreativo: abbiamo bisogno di Ri-crearci. Dopo un tempo dove la pandemia ci ha “stretto i panni”, stiamo provando a ricreare, seppur con le giuste e doverose attenzioni, delle situazioni, degli spazi e dei luoghi dove rivivere quelle esperienze che ci sono appartenute e a cui noi guardiamo sempre con affetto. Sono parecchi i bambini e i ragazzi che ruotano attorno al Cre ed è per noi motivo di gioia sapere che possiamo tornare ad abitare le nostre piazze portando anche alla Comunità una ventata di libertà e di festa.

“E” di estivo: estivo richiama l’estate che per l’Oratorio è un tempo dove stare insieme. Tante volte si gioca sulla parola E-STATE, per ricordarci quanto l’occasione del Cre sia importante per sperimentare la cura tramite cui giovani e adolescenti instaurare una relazione con i più piccoli.

La sfida è avvincente: cosa fa paura ad un adolescente? Prendersi le proprie responsabilità. Il Cre, diventa quella possibilità di vincere queste paure ed ecco che tanti giovani si trovano a vivere l’esperienza dell’educare. Qualche animatore durante la formazione diceva: “Sono responsabile, ma contemporaneamente mi diverto e questo mi fa acquisire della responsabilità, senza portarne troppo il peso”.

L’esperienza del Cre, aiuta a crescere e il rispetto dei limiti, tanto mal sopportati dai giovani, sono invece il motivo che aiuta a creare quel clima di “casa” che caratterizza ogni giornata del Cre.

 
Unisciti anche tu!
Iscriviti alla newsletter per scoprire per primo le ultime storie e i nostri eventi
Ufficio pastorale età evolutiva