Articolo 14 dicembre 2021
Prepararsi al Natale
Proposte per gli adolescenti
L’Avvento è ormai agli sgoccioli e tra una decina di giorni accoglieremo un Ospite speciale nelle case, nei presepi, negli oratori e in tutte le parrocchie. Gli ultimi passi di un cammino sono importanti quanto i primi, ma sono anche i più impegnativi: la meta è là che ispira, interroga e sprona tutti a fare l’ultimo sforzo. Un po’ come quando si cammina in montagna e la vetta è proprio lì. Per aiutare gli oratori a vivere al meglio questi ultimi giorni d’Avvento, l’Ufficio Pastorale per l’Età Evolutiva ha preparato del materiale digitale disponibile sul sito www.oratoribg.it.

Oltre alla conclusione dei cammini quotidiani pensati per la preparazione più personale e gli ultimi momenti di gruppo da vivere insieme, nella sezione dell’Avvento 2021 dedicata agli adolescenti sono presenti altre due proposte: la veglia di mezzanotte e il camposcuola. Le due tracce sono costruite per accompagnare gli adolescenti e i loro educatori nella tappa finale di questo cammino e durante il Tempo di Natale raccogliendo quanto seminato finora.
La veglia di mezzanotte è una traccia per l’animazione del momento di raccoglimento che precede la messa di Natale da vivere insieme a tutta la comunità. L’obiettivo è quello di spronare gli adolescenti a mettersi al servizio anche in occasioni come queste in cui è possibile condividere con gli adulti un momento di spiritualità. La Veglia può esser fatta in chiesa oppure in forma itinerante scegliendo quattro luoghi differenti e ponendo un oggetto che rappresenti la tappa e una candela accesa. In ogni tappa sarà presente un brano di Vangelo, uno spunto artistico come provocazione, un monologo dei Magi, un gesto da compiere e una preghiera da recitare e, ogni volta, si concluderà sempre con un canone di Taizè. A guidare il momento saranno le voci dei Magi. Le domande e le riflessioni che hanno accompagnato il loro viaggio, seguendo la stella, saranno le protagoniste della preghiera costruendo una prospettiva condivisa. Il loro arrivo di fronte a Gesù Bambino sarà da esempio a tutta la comunità.

Per il tempo di Natale, invece, la proposta è quella di incontrare Dio “faccia a faccia” realizzando quanto auspicato in Avvento. In un tempo in cui le relazioni si stanno pian piano ricostruendo in modo inevitabilmente nuovo, il desiderio è quello di proporre un percorso che si sviluppa attraverso tre zoom, tre “faccia a faccia” appunto, in un crescendo che parte dallo sguardo verso se stessi e si allarga progressivamente ad una visione sul mondo, passando attraverso un faccia a faccia con l’altro. Ad ognuno di questi sguardi si intreccia lo Sguardo più grande, che accompagna, completa e restituisce senso a tutti gli altri. Il gesto scelto come filo conduttore del camposcuola è legato alla fotografia: ogni mattina verrà consegnato un impegno “fotografico”, per allenare lo sguardo a fissarsi su ciò che solitamente potrebbe sfuggire all’attenzione. Le immagini si focalizzano sul tema specifico che si andrà ad approfondire durante la giornata e diventeranno oggetto di condivisione nel momento di riflessione o di preghiera.

Questo impegno fotografico, inoltre, non rimarrà “isolato” nei singoli gruppi degli oratori, ma potrà essere condiviso attraverso un semplice tag accompagnato da un hashtag: #facciaafaccia. Dopo un anno di stop, le pagine social di OratoriBG tornano ad essere abitate dagli scatti degli oratori in giro per le montagne, dispersi in qualche città, impegnati in servizi per il prossimo oppure semplicemente accampati in oratorio. #facciaafaccia sarà il titolo del contest che accompagnerà tutti gli oratori durante l’esperienza dei campiscuola invernali. La proposta è quella di aguzzare la vista per scovare tutti quei momenti memorabili delle iniziative del tempo di Natale. Ciascuno, attraverso il profilo personale o tramite quello dell’oratorio, potrà pubblicare una storia o un post taggando @oratoribg e usando l’hashtag #facciafaccia. Tutti gli scatti verranno poi raccolti in un unico album digitale nelle storie in evidenza della pagina Instagram OratoriBG. Le fotografie sono a tema libero, ma tutte con una caratteristica in comune: raccontare un momento bello da non dimenticare per nessun motivo al mondo.

Queste sono solo le primissime linee guida del contest #facciaafaccia, ma niente paura: per rimanere sempre aggiornati basta seguire la pagina Instagram di OratoriBG e tenere le antenne alzate. Ora è tempo di concentrarsi sugli ultimi passi di un Avvento che può portare tanti buoni frutti per un 2022 tutto da scoprire e da vivere con entusiasmo.
 
Unisciti anche tu!
Iscriviti alla newsletter per scoprire per primo le ultime storie e i nostri eventi
Ufficio pastorale età evolutiva