#Oratiracconto 04 giugno 2021
Sapersi pensati
Oratorio Albino

Il CRE è da sempre un’esperienza che si costruisce e si pensa come comunità. Si parte dal coinvolgimento dei primi giovani, si allarga la proposta ai maggiorenni, si formano gli adolescenti e si raggiungono gli adulti che si spenderanno come volontari per regalare a bambini e ragazzi un mese ricco sia dal punto di vista esperienziale che relazionale. Per realizzare tutto ciò è necessario arrivare preparati all’estate e ieri, all’oratorio di Albino, è iniziato il percorso formativo che porterà gli adolescenti a vestire la maglia dell’animatore durante il prossimo CRE.

Il primo step consisteva nell’individuare le proprie aspettative a fronte della loro presenza, degli altri animatori e dei coordinatori in modo da giocarsi in maniera più consapevole all’interno dell’esperienza. “Gli incontri della formazione nascono da un lavoro condiviso tra noi coordinatori e i maggiorenni che presteranno servizio durante il CRE – spiegano Naila Carrara e Martina Rossi, coordinatrici dell’oratorio di Albino-. I prossimi appuntamenti declineranno il tema del gioco in diverse situazioni del CRE, mentre più avanti ci dedicheremo alla preparazione delle giornate”. Oltre alla formazione tematica e all’organizzazione più legata all’aspetto pratico, gli adolescenti parteciperanno anche a un percorso formativo dal punto di vista sanitario in modo da arrivare preparati e pronti ad accogliere bambini e ragazzi in totale sicurezza.

La formazione, però, non è un percorso che gli adolescenti affrontano da soli. Durante questi incontri, si cammina insieme e ci si rimette in gioco ogni volta senza dare mai nulla per scontato. I coordinatori, i responsabili, i maggiorenni e gli animatori costruiscono il CRE collaborando. “Formarsi aiuta tutti a far crescere quella consapevolezza necessaria per affrontare l’esperienza -proseguono Naila e Martina-. Serve a trasmettere il senso di ciò che si andrà a fare, ma anche un modo di essere. Un animatore è chiamato a giocarsi con la voglia di fare, di prendersi delle responsabilità e di relazionarsi con chi incontrerà. Speriamo recepiscano tutto ciò e che sappiano di essere pensati perché quello che facciamo è creato per loro e, a cascata, anche per i bambini e i ragazzi. Come noi abbiamo pensato agli adolescenti, così loro penseranno ai più piccoli durante il CRE. Il nostro obiettivo è quello di trasmettere l’empatia e la gratuità di questo servizio”.

Nella grande macchina del CRE tutti sono importanti. Se gli adolescenti sono il motore dell’esperienza, i giovani, nel ruolo da coordinatore, hanno il compito di avere una visione d’insieme che aiuti tutti ad andare nella stessa direzione. “Come giovani -concludono Naila e Martina- ci mettiamo al servizio dell’oratorio grazie alla fiducia che la comunità stessa ci dà. È una responsabilità importante. Quando un giovane diventa coordinatore deve allenare uno sguardo ampio in modo da co-costruire la macchina del CRE. Si dà il massimo per far sì che il CRE sia un’esperienza significativa sia per i bambini che per gli adolescenti, ma anche per noi e tutti coloro che spendono del tempo per i ragazzi. Questa esperienza coinvolge tutta la comunità e ci fa crescere insieme”. Tra poche settimane, all’oratorio di Albino, il CRE potrà finalmente andare in scena. Le risate, la voglia di giocare, il divertimento, le urla di incitamento, gli scherzi e il desiderio di stare semplicemente insieme torneranno ad abitare ogni spazio dell’oratorio, ma nulla nasce dal caso. Il CRE va costruito perché non c’è cosa più bella del sapersi pensati.

 

 
Unisciti anche tu!
Iscriviti alla newsletter per scoprire per primo le ultime storie e i nostri eventi
Ufficio pastorale età evolutiva